PECOB Portal on Central Eastern
and Balkan Europe
by IECOB & AIS
Università di Bologna  
 
Wednesday November 22, 2017
 
Testata per la stampa
up-to-date alerts

This area offers a wide range of continuously updated news regarding both academic and cultural events together with academic calls and study programs

 
 
East, rivista internazionale di geopolitica
 
European Regional Master's Degree in Democracy and Human Rights in South East Europe
Feed RSS with the latest information on conferences published on PECOB
 

Conferenza finale del progetto europeo Di&Di - Più diversità e meno discriminazione nel mercato del lavoro

Luogo: Sala Randi, Comune di Forlì, via delle Torri n.13
Data: Mercoledì 25 novembre 2015, dalle 15,00 alle 17,00

Attività principali del progetto Di&DI

Training per giovani qualificati e donne poco qualificate con un’esperienza migratoria allo scopo di identificare e valutare le loro capacità e  competenze, allargare le loro prospettive per un impiego o per una nuova carriera professionale puntando a rafforzare le loro competenze creative e spirito imprenditoriale e favorire lo  scambio di esperienze tra i partecipanti – elaborato a partire da gennaio 2014 – sperimentato in ogni paese a partire da gennaio 2015.

I training puntano a favorire l’accesso all’impiego per i due gruppi target attraverso:
- Prevenzione contro il rischio di discriminazione nel mercato del lavoro mostrando strumenti legali e situazioni concrete.
- Valutazione di profili speciali e identificazione di competenze degli allievi come mezzo per potenziare il proprio profilo professionale.

Mentoring ai professionisti che supportano o assumono giovani qualificati o donne poco qualificate con un’esperienza migratoria con l’obiettivo di sensibilizzarli sui bisogni specifici ed il potenziale dei loro clienti (giovani qualificati o donne poco qualificate con un’esperienza migratoria) durante lo svolgimento delle loro mansioni quotidiane - elaborato a partire da gennaio 2014 - sperimentato in ogni paese a partire da gennaio 2015.

Il mentoring si rivolge a professionisti che lavorano con i 2 gruppi target, come ad esempio: manager di associazioni per donne e giovani, operatori sociali,  selezionatori del personale e persone che si occupano di gestione della “diversità” nel mondo del lavoro. Basandosi sull’esperienza acquisita precedentemente dai partner, il mentor aiuterà gli allievi a tener in maggior considerazione i bisogni specifici e le aspettative dei giovani qualificati e delle donne poco qualificate con un’esperienza migratoria durante lo svolgimento del loro lavoro.

Creazione di un comitato di direzione formato da esperti nel campo dell’integrazione (associazioni, enti locali, imprese…) con l’obiettivo di raccogliere le nozioni acquisite durante i training e mentoring del progetto per adattarle al contesto locale e nazionale, a partire da primavera 2014. Contenuti, risultati e nozioni acquisite attraverso gli esperimenti dei training e dei mentoring saranno messi in comune con gli attori attivi nei campi dell’integrazione socio/economica, discriminazione e diversità attraverso comitati di direzione nazionali in ciascuno dei cinque paesi e attraverso strumenti innovativi ed interattivi come, ad esempio, un weblog.

Fornire i risultati del progetto alle reti di migranti ed ai professionisti che lavorano nel campo dell’immigrazione (uffici di selezione del personale, amministrazioni locali ed istituti di educazione e formazione) a partire da primavera 2014.

 
Il settore con il maggior tasso di discriminazione in tutta Europa è il mondo del lavoro. L’origine etnica ed il genere sono 2 dei 6 criteri definiti dalla legislazione dell’UE in materia di discriminazione (2000). Due gruppi target sono particolarmente vulnerabili: giovani e donne.
La difficoltà di costruire un futuro professionale per questi due specifici gruppi, giovani qualificati e donne poco qualificate con un background migratorio, pone sfide specifiche che sono affrontate in maniera insufficiente.
In un contesto di “femminilizzazione” dell’immigrazione e di crescita della mobibità di giovani qualificati, sviluppare specifici strumenti e strategie per affrontare i bisogni speciali di questi due gruppi è cruciale.

I partecipanti

  • Dott. Raoul Mosconi, Assessore alle Politiche sociali
  • Prof. Stefano Bianchini, Co-direttore dell'Istituto per l'europa Centro-Orientale e Balcanica
  • Rappresentanza dal Punto Europa - Forlì (da definire)

Organizzazione

Contatti

Dott. James Foschi
Istituto per l'Europa Centro-Orientale e Balcanica

indirizzo: Corso della Repubblica 117, 47121 - Forlì (FC)
Tel: +39 0543 36304
e-mail: james.foschi@unibo.it

Mirees

Find content by geopolitical unit

Sponsors